Synnot, Walter (Sir)

Informazioni di Posizione

Zona A
Riquadro
Fila
Posizione 54
Guarda la posizione Link
Esplora il sepolcro Tomba Synnot, Walter (Sir)

Non sai come leggere la posizione? CliccaQui.

Descrizione generale

Sir Walter Synnot nasce nel 1742 a Ballymore, Contea Westmeath. È il figlio di Richard Synnot. Si stabilisce nella parrocchia di Ballymoyer, nella contea di Armagh nel 1778 e prende in affitto otto “townlands”, le classiche divisioni terriere Irlandesi, dalla sede di Armagh.

La sua famiglia era formata da latifondisti e grandi proprietari terrieri nella contea di Wexford. Le loro terre però furono prese da Cromwell, dopo che il colonnello David Synnot resistette alle truppe di Cromwell durante il sacco di Wexford. La famiglia era coinvolta non solo nel commercio del lino, ma possedeva anche miniere di piombo nelle vicinanze.

Synnot venne nominato Alto Sceriffo di Armagh nel 1783 e successivamente cavaliere nel maggio di quell’anno.

Secondo il Dizionario topografico d’Irlanda di Lewis (1837): “Le terre erano brulle e sterili in precedenza fino al 1778, quando Sir Walter Synnot eresse una casa e divenne un proprietario terriero residente”.

Ballymoyer House è stata descritta nel Parliamentary Gazetter del 1844 come segue: “Il palazzo costruito da Sir Walter Synnot e il demanio ad esso collegato sono disposti e piantati in uno stile di buon gusto. Tre ruscelli di montagna dopo essere sbucati dalle valli del loro corso superiore, unitevi nel prato e formate una scena sia bella che romantica.”

Scopri di più su Sir Walter Synnot e la sua famiglia sul portale dedicato.

 

Informazioni anagrafiche


Synnot, Walter (Sir) nasce a Ballymoyer, Irlanda, il 09/08/1742. Di professione Cavaliere la sua data di morte è il 08/09/1821. Viene sepolto presso questo cimitero nel 1821. 

Dettagli aggiuntivi


Note su questo defunto:

Ha sposato la prima moglie Jane Seton nel 1770;
Dopo la morte di Jane ha sposato Anne Elizabeth Martin nel 1804.

Istruzioni per leggere la posizione di una tomba

Tutte le tombe del Cimitero Acattolico possono essere localizzate attraverso i dettagli sulla posizione che si possono leggere all’interno di ogni singola scheda del defunto o scheda della tomba stessa.

La posizione si individua attraverso 4 dati fondamentali: La Zona, Il Riquadro, La Fila e La Posizione.

 

La Zona ( )

Il cimitero Acattolico di Roma è suddiviso in 5 grandi Zone. Tutte le zone sono delimitate dai sentieri percorribili, pertanto sono molto facili da individuare.

Attenzione: Si ricorda che la Zona Antica essendo uno spazio non ordinato non rientra nei canoni di posizionamento validi per le altre zone, pertanto si dovrà fare riferimento esclusivamente alla mappa del percorso e alla foto per individuare la tomba.

 

Il Riquadro* ( ) *valido solo per la Zona Terza

Il riquadro è strettamente correlato alla Terza Zona del cimitero.

Questa zona è suddivisa in 4 quadranti numerati come visibile in questa mappa.

Soltanto le tombe presenti nella terza zona avranno il riquadro indicato nelle informazioni di posizione.

In tutte le altre tombe il campo che indica il riquadro sarà vuoto/non visibile.

Si ricorda che per individuare qualsiasi tomba è sempre possibile fare riferimento alla mappa del percorso e alla foto nelle schede dei percorsi.

 

 

 

La Fila ( )

Le tombe nel cimitero sono disposte per la maggior parte su file ordinate.

Fanno eccezione la Zona Antica e le tombe disposte lungo le mura, ad esempio gli ossari.

Per contare il numero di fila è necessario fissare come riferimento la parte inferiore del cimitero. Il cimitero acattolico infatti si estende su una leggera pendenza (tranne la zona Antica che è piana ma essa non presenta una divisione in file).

La prima fila sarà sempre quella al livello più basso rispetto le altre.

Una volta individuata la prima fila sarà facile contare tutte le altre.

 

 

La Posizione ( )

Serve per individuare la tomba all’interno della fila di riferimento.

La posizione si individua contando le tombe da sinistra verso destra.

Il conteggio deve essere effettuato partendo sempre dall’estremità sinistra della zona dove si trova la tomba.

 

 

Menu